Home / Salute e Bellezza / Il cavolo dai mille utilizzi per la pelle e per i capelli

Il cavolo dai mille utilizzi per la pelle e per i capelli

Il cavolo appartiene alla famiglia brassica che comprende anche i cavoletti di Bruxelles e i broccoli, e si reputa che abbia avuto origine in Asia Minore e nel Mediterraneo. Il cavolo è disponibile tutto l’anno e può far parte di una sana dieta. Esistono diversità varietà e può essere consumato sia crudo sia cotto. Il cavolo cucinato al vapore è uno dei modi per poter esaltarne il sapore.

È una verdura particolarmente ricca di potassio, ferro e ha varie vitamine e trova il suo utilizzo sia nella cucina occidentale e sia nella cucina orientale. Il consumo regolare di cavolo può fornire benefici anti-invecchiamento per la pelle. La ricca quantità di vitamina C in quest’ortaggio mantiene la pelle giovane e ritarda il processo d’invecchiamento.

Inoltre, la vitamina A nel succo di cavolo collabora con la vitamina D per rendere la pelle chiara e sana al fine di evitare la degenerazione delle cellule della pelle dovuta ai raggi ultravioletti.

Quando viene utilizzato come maschera di bellezza il cavolo è efficace nella cura di eruzioni cutanee come l’eczema, la psoriasi, l’acne ed è anche consigliato per le punture degli insetti. Per preparare l’impacco è sufficiente prendere un po’ di cavolo e inserirlo nel frullatore con un po’ di acqua fino a ridurlo a una purea, quindi si avvolge il contenuto in una purea con un panno. Quindi lo si posiziona sulla parte interessata e lo si lascia agire per circa quindici minuti. Si possono anche schiacciare le foglie del cavolo direttamente sulle zone colpite per poter ottenere una guarigione eccellente.

 Il cavolo è ottimo anche contro le irritazioni cutanee e l’acne

il cavoloSe si è affetti da brufoli o altre irritazioni della pelle, il cavolo può essere la soluzione. Tutto quello che si deve fare è cucinare a vapore le foglie superiori del cavolo e successivamente comprimere le foglie tra un panno di lino e cotone e posizionare l’impacco sulla zona colpita durante la notte. Alla mattina successiva la pelle sarà liscia e morbida.

Per poter migliorare la carnagione è anche ottimo il succo di cavolo, in quanto è ricco di potassio che è fondamentale per purificare il corpo e la pelle. Gli alti livelli di vitamina A ringiovaniscono il tessuto e lo zolfo aiuta a combattere le infezioni.  Lo zolfo svolge un ruolo importante nei confronti della pelle grassa e dell’acne.  Inoltre, è di vitale importanza per la cheratina, una sostanza proteica che è essenziale per la salute dei capelli, delle unghie e della pelle. Essa aiuta anche nella pulizia del sangue e favorisce la rimozione di batteri e tossine dal corpo.

Il cavolo è anche ricco di vitamina C e il suo succo può anche guarire le gengive infette a causa di gengiviti. Essendo prolifico di sostanze nutritive come le vitamine, il calcio, lo zolfo, il ferro e il magnesio il cavolo risulta essere altrettanto benefico anche nei confronti dei capelli.

Proprio come altre verdure verdi, il cavolo ha un alto contenuto di vitamina A. La vitamina A è un antiossidante che stimola la crescita dei capelli.  L’applicazione di una miscela di cavolo bollito e succo di limone appena spremuto sul cuoio capelluto può facilitare la crescita dei capelli.

Per avere capelli lisci e setosi si può applicare il succo di cavolo sul cuoio capelluto e alle radici dei capelli. Infatti, il succo di cavolo ha il silicio e lo zolfo che sono due minerali essenziali in quanto stimolano la crescita dei capelli e prevengono la perdita dei capelli.  Si può applicare una miscela di 30 millilitri di succo di cavolo e 30 millilitri di succo di cetriolo sul cuoio capelluto e sulle radici dei capelli, e successivamente fare un massaggio accurato per 10 – 15 minuti prima di andare a letto e lavare il tutto la mattina successiva. Per ottenere i massimi benefici questo dovrebbe essere fatto tre volte a settimana.

Il cavolo per avere capelli belli, forti, luminosi

Il succo di cavolo è anche utile per i capelli secchi poiché li rende morbidi e lucenti.  Per ottenere capelli sani e belli gli esperti suggeriscono di bere una miscela di 80 millilitri di succhi di carota cruda e cetriolo e 40 millilitri di succo di cavolo.

Al mercato, in frutteria e presso i vari supermercati il cavolo è disponibile tutto l’anno. Il cavolo fresco ha generalmente le foglie esterne abbondanti. Se le foglie cominciano a separarsi dal gambo, ciò sta a indicare che il cavolo non è fresco. Sarebbe anche da evitare di acquistare il cavolo dimezzato e o tagliuzzato come nei pretagliati, in quanto perde il suo prezioso contenuto di vitamina C. Il cavolo non dura a lungo e deve essere conservato in un luogo fresco e al buio. Può deve essere conservato in un sacchetto di plastica in frigorifero per un massimo di una settimana o due.

Nel caso nel quale è necessario utilizzare metà cavolo, la restante metà deve essere posta in un sacchetto di plastica con poche gocce d’acqua sul lato tagliato e refrigerata per consentirle di durare qualche giorno in più.

Un altro modo per conservarlo è quello di congelare. A questo scopo si deve tagliare la verdura in parte grossolane e sbollentare per circa due minuti in acqua bollente. Quindi si deve far scolare e raffreddare e successivamente vanno messi in contenitori ermetici a congelare. Il cavolo cotto può anche essere refrigerato in un contenitore coperto per 4 giorni.

La pulizia e il lavaggio di qualsiasi verdura è estremamente importante prima di cuocerla.  Per quanto riguarda il cavolo si deve lavarlo in acqua corrente. Si deve metterlo a bagno in acqua salata o aceto per 15-20 minuti nel caso in cui si notino segni di vermi o insetti.  Gli esperti consigliano di tagliare e lavare il cavolo poco prima di cucinarlo o mangiarlo crudo per mantenere intatto il suo contenuto di vitamina C.

È preferibile utilizzare sempre un coltello in acciaio inox per tagliare questo ortaggio, in quanto quelli con acciaio al carbonio rischiano di farlo divenire scuro. Per quanto riguarda le modalità di cottura il cavolo può essere alla base di molti piatti come insalate, zuppe, può essere cotto a vapore o anche fritto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

2 × quattro =