Home / Consigli per dimagrire / Come metabolizzare il cibo e riuscire a dimagrire  

Come metabolizzare il cibo e riuscire a dimagrire  

Metabolizzare, ovvero assimilare del cibo nel proprio organismo, o, per essere ancora più precisi la velocità con cui il nostro corpo lo va ad assimilare. Se il tempo di assimilazione del cibo è importante per rallentare il senso di fame, diventa un aspetto di considerevole importanza valorizzare le calorie che vengono ad essere impiegate dal tuo corpo per far sì che avvenga la metabolizzazione del cibo.

È abbastanza ovvio che, essendo la perdita di peso, basata sul conto delle calorie, come dei bravi ragionieri da una parte devi segnare le calorie assunte e dall’altra le calorie bruciate, la differenza deve essere sempre a vantaggio di quelle bruciate. In caso contrario il dimagrire diventa una vera e propria utopia.

La scienza ha oramai da tempo appurato come per perdere peso le calorie in entrata debbano essere inferiori a quelle in uscita. Se, giustamente poni attenzione alle calorie in entrata fornite dal cibo, devi anche tenere, in una corretta contabilità, il conto di quelle necessarie alla loro metabolizzazione. Forse che, dopo che hai fatto un determinato esercizio fisico non vai ad annotare quante calorie sei riuscito a bruciare? La digestione necessita di calorie per svolgere le sue funzioni, e le calorie delle quali hai bisogno variano in base ai cibi che vai ad introdurre nel tuo organismo.

Per cui, alcuni cibi per essere metabolizzati richiedono più calorie altri invece vengono ad essere metabolizzati in maniera molto veloce. Il nostro corpo, per funzionare correttamente, ha bisogno di carboidrati, proteine e di grassi.

Fonti di carboidrati sono i cereali integrali, la frutta, la verdura, il riso, i fagioli, le lenticchie, i cereali, la pasta e il pane, ad esempio, mentre i dolci non sono una buona fonte di carboidrati.

Invece le proteine le andiamo ad assumere dagli alimenti di origine animale, come ad esempio la carne di manzo, il pollo e il pesce. Anche i legumi, come fagioli e ceci ad esempio, l’albume dell’uovo, i latticini e la soia sono una ottima fonte di proteine.

Per quanto riguarda i grassi li possiamo assumere da olio fatto con le olive, dalle arachidi, con l’avocado, ma anche i pesci grassi, tipo il salmone e le noci sono ottime fonti di grassi buoni come lo è anche l’olio di canola.

Per perdere peso imparare a conoscere i cibi e le loro calorie

metabolizzare il ciboQuindi, per poter perdere peso uno dei principali aspetti riguarda proprio l’alimentazione e il metabolizzare il cibo. Non per nulla una combinazione di cibi errata, una formulazione di dieta inesatta, come pure un non consono stile alimentare, di fatto, costituiscono alcuni degli ostacoli al poter perdere peso.

Il riuscire a dimagrire, quindi, dipende quasi esclusivamente da te. È anche importante sottolineare che, durante questo percorso, potrai avvalerti dell’aiuto fornito dagli integratori. Infatti, gli integratori sono stati appositamente realizzati per poter dimagrire in maniera naturale.

Oltre che essere ottimi anti fame e brucia grassi, gli integratori ti forniscono, nelle effettive quantità necessarie al nostro fisico, altri preziosi benefici, come ad esempio vitamine, fibre e minerali, elementi che fortificano le tue difese e preservano il tuo organismo.

Quindi, se devi sapere quante calorie un determinato tipo di cibo è in grado di fornirci, nella stessa identica maniera devi anche calcolare quanta energia vai a consumare per far sì che questo determinato cibo sia metabolizzato dal tuo organismo. Con gli integratori sarà più facile ritrovare il peso forma.

Se metabolizzi più lentamente, l’insorgere del senso di fame rallenta

Il tuo corpo ha bisogno di carburante per poter svolgere tutte le sue funzioni di primaria importanza per la nostra sopravvivenza, come pure per svolgere le tue attività quotidiane. L’ovvia fonte del suo combustibile gliela fornisci attraverso il cibo.

Se questo è il meccanismo di base, diventa controproducente il non riuscire a trovare il giusto equilibrio nell’assunzione di cibi sani e che possano, nel contempo, fornire un maggior senso di sazietà. Ad esempio carboidrati raffinati o semplici come le farine bianche, il riso e la pasta, i dolci, e altri alimenti e bevande dolci, non hanno le fibre che invece sono presenti nei carboidrati complessi, come ad esempio i cereali integrali, la frutta e le verdura.

Per poter dimagrire è molto importante la questione della metabolizzazione del cibo, in quanto una metabolizzazione del cibo più lenta fornisce più a lungo un senso di sazietà, il che ci impedisce di avere sempre fame e ricorrere a spuntini e altre formule che magari non fanno altro che fornire un apporto calorico molto più elevato.

Oltre a ciò, la metabolizzazione necessita anche di un importante apporto di calorie e questo ti permette di bruciare più calorie se il tempo di metabolizzazione del cibo è più lungo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

tredici − 1 =