Home / Salute e Bellezza / Caffè in Gravidanza? si, no, forse….

Caffè in Gravidanza? si, no, forse….

 

Il sapere se è possibile continuare a bere caffè in gravidanza, è una delle più classiche domande che anche tu, come tante neo mamme si pongono. La risposta degli esperti è sì, no, forse. Come puoi facilmente capire sulla questione del caffè in gravidanza non si ha una risposta univoca.

In linea generale possiamo dire che attualmente l’unica condizione posta sulla quale si può osservare una forte convergenza, è che non dovresti mai superare una dose di 200 milligrammi di caffeina al giorno, quindi due tazze di caffè solubile o una tazza di caffè tostato. Questa quindi parrebbe essere la più semplice risposta da poterti fornire.

È anche da precisare che la quantità massima di 200 milligrammi comprende tutte le fonti di caffeina, come ad esempio , tra cui il tè verde, cola, bevande energetiche e cioccolato. Ma se vuoi ridurre l’assunzione di caffeina, puoi prendere il caffè solubile. Infatti, il caffè istantaneo risulterebbe contenere un po’ meno caffeina. Il caffè decaffeinato è anche una buona opzione, in quanto il suo sapore è quasi identico a quello del caffè tradizionale, il che può avere un effetto placebo sulla virtù energetiche del tuo solito caffè.

Sulla questione riguardante se si possa o meno assumere del caffè in gravidanza, è di certo utile ascoltare il parere del proprio medico, cosa che il buon senso suggerisce sempre di fare proprio per evitare di andare in contro a spiacevoli conseguenze. Nei tuoi nove mesi di gravidanza, la questione caffè, potrebbe anche risolversi in breve tempo.

Nulla di più facile, infatti, che entro i primi tre mesi le nausee ti facciano rapidamente prendere una soluzione. Questo perché assumere del caffè in gravidanza potrebbe andare a favorire quei tanto “simpatici” bruciori allo stomaco, come pure ti potrebbe anche creare qualche problema nell’avere un corretto riposo.

Non è mai un bene eccedere con il caffè in gravidanza

caffe e gravidanzaIn un recente studio è emerso che una assunzione eccessiva di caffeina durante il periodo della gravidanza potrebbe anche andare ad influenzare il feto che porti in grembo. Nel 2013, infatti, sono stati resi noti tramite una pubblicazione, i risultati conseguiti da uno studio realizzato in Norvegia che ha visto coinvolte circa sessantamila donne in gravidanza.

Dallo studio è risultato che l’assunzione del caffè in gravidanza potrebbe causare dei ritardi nella crescita e nello sviluppo del feto. Christophe Bernard, dell’Inserm, Institut national de la santé et de la recherche médicale istituzione francese di fama mondiale, solo pochi mesi dopo lo studio norvegese, ha pubblicato uno studio nel quale veniva messa in evidenza come il caffè in gravidanza potesse anche andare a influenzare il normale sviluppo del cervello del futuro nascituro, mettendo quindi sul chi va là le donne in gravidanza.

Come puoi osservare vi sono importati studi che sono stati effettuati, a riprova di come ancora oggi la questione sia di vivo interesse. È lo è al punto tale che anche l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha voluto esporre il suo parere in merito alla questione del caffè in gravidanza, sostenendo che le donne che sono in gravidanza non dovrebbero assumere un quantitativo di caffeina al giorno superiore ai 300 milligrammi. Pur tuttavia è da notare che lo studio compiuto dagli scienziati norvegesi fissava la quantità di caffeina in una quota massima in 200 milligrammi al giorno.

Sul caffè in gravidanza sono stati effettuati numerosi studi

Ma, prima di entrare in una spirale nella quale gli studi e le opinioni derivate posso indiscutibilmente provocare una sorta di psicosi, proprio perché rimangono controversi e i meccanismi sono ancora tutti da determinare, parti con il semplice presupposto che se ipoteticamente per i novi mesi di gravidanza non prendi il caffè, questo di certo non sarà un problema insormontabile.

Pur tuttavia, è anche da valutare che di certo una tazzina di buon caffè al giorno non potrà sicuramente procurare problemi. Come al solito, il più delle volte il è caro e vecchio buon senso a guidarci verso la migliore soluzione. L’istinto primordiale, forgiato in tutti questi millenni nei quali l’uomo ha lottato per la sua sopravvivenza, potrà di certo proporti come ti dovrai comportare.

Il tuo fisico di manda in continuazione dei segnali, poi certo spetta a te avvertirli, comprenderli e andarli a tradurli in azioni e soluzioni. Ricorda, comunque, che puoi tranquillamente e con vera semplicità trovare varie soluzioni al caffè in gravidanza, come ad esempio consumare bevande decaffeinate, tisane e sane e gustose spremute di frutta o di verdure.

In ogni caso, per tua informazione sappi che in una tazzina di caffè tradizionale ci sono in media tra i 95 e i 200 milligrammi di caffeina, una tazza di tè ne contiene fra i 14 e 70 milligrammi, una lattina di Coca-Cola 32 milligrammi, mentre una bevanda energetica contiene 80 milligrammi di caffeina.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

5 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.